Logo
Stampa questa pagina

Il più grande Ivory Burn della storia a Nairobi il 30-04

скачать шаблоны joomla 3.5
каталог музыкальных инструментов

30 aprile 2016: giornata storica per la conservazione di elefanti e rinoceronti. Il Kenya distruggerà infatti il più grande quantitativo di zanne d’avorio e corni di rinoceronte della storia. Si tratta di ben 105 (alcune fonti dicono 120) tonnellate d’avorio, quasi la totalità degli stock accumulati negli anni, e una tonnellata e mezza di corni di rinoceronte, l’intero stock a magazzino. Nel Parco Nazionale di Nairobi sono state allestite 12 gigantesche pire, che verranno date alle fiamme dal Presidente keniota Uhuru Kenyatta proprio questo sabato. Un immenso rogo che è un segnale forte per tutti quelli che sostengono che la vendita all’asta dell’avorio a magazzino offrirebbe ingenti fondi per la conservazione. Un rogo che per noi è soprattutto un ‘funerale simbolico’ per le decine di migliaia di elefanti e rinoceronti trucidati per superstizione e chincaglierie.

Quanti sostengono che la legalizzazione del commercio di corni e zanne darebbe nuova linfa alle attività conservazionistiche non si rendono conto che ognuno di questi animali può generare, nell’arco della propria vita, un valore 20 volte superiore grazie all’indotto turistico che darebbe sostentamento e lavoro alle comunità locali, generando un sistema sostenibile nel tempo” dichiara Vincenzo D’Adamo, Responsabile Nazionale del Progetto “Angels For Africa” dell’Anpana Onlus, che ha fra le proprie finalità proprio la sensibilizzazione sul tema del bracconaggio e la promozione di un’economia alternativa, fondata sul turismo sul rispetto e la tutela dell’ecosistema africano. “Il nostro impegno è duplice: in Italia, sensibilizzare su quali siano le origini dell’avorio e supportare, attraverso il nostro nucleo di Guardie Ecozoofile, il lavoro delle Autorità nella repressione dell’illegalità. Il sogno del Ministro Galletti è di non vedere più avorio nelle case degli Italiani. Il nostro è di sapere che non vi è commercio d’avorio, legale o meno, in tutto il mondo. Questo significherebbe salvezza dall’estinzione per gli elefanti, e introiti in meno per i terroristi di stampo islamico. Il secondo impegno, per noi, è sul fronte africano: attraverso un team altamente qualificato andiamo a supporto e offriamo formazione ai ranger impegnati nella difesa di questi animali sul territorio”.

Un tema, quello del commercio internazionale dell’avorio, molto sentito anche dalle Autorità del Kenya, che si sono fatte promotrici di un summit fra Governi africani in primis, ma non solo, per discutere linee comuni volte alla repressione del bracconaggio e soprattutto per spingere affinché si giunga al divieto internazionale di commercio d’avorio, grezzo o sotto forma di manufatti.

Facciamo nostre le parole di Patrick Omondi, direttore del Kenya Wildlife Service”, prosegue D’Adamo, “quando sostiene che l’umanità può vivere benissimo senza avorio. Non si tratta di un farmaco, non è essenziale per le nostre vite. È solo apparenza, moda, superstizione: e uccidere pachidermi da 7 tonnellate per farne chincaglierie o statuette è pura follia”.

Si calcola che ogni anno, in Africa, vengano uccisi dai 30 ai 35 mila elefanti, e oltre 1.300 rinoceronti: buona parte dei proventi del traffico illegale vanno a finanziare organizzazioni terroristiche di stampo islamico, come Al Shabaab o Boko Haram. Recenti indagini della Commissione Europea hanno evidenziato che l’Europa è non solo territorio di transito, ma anche zona d’arrivo e smercio di zanne e corni.

Sul mercato nero asiatico, le zanne grezze d'elefante vengono quotate $1.800 al kg (dati riferiti al Vietnam), mentre l'avorio lavorato raggiunge i $3.000 dollari al kg. Il corno di rinoceronte, dagli ultimi dati disponibili, è stabile a $65.000 al kg, quotazione che porta ogni singolo animale a valere oltre mezzo milione di dollari, stimando il corno in circa 8kg di cheratina pura (lo stesso materiale di cui sono fatte unghie e capelli umani).

"È necessario un grande lavoro di informazione e sensibilizzazione sia nei paesi d'origine che nei paesi di destinazione di questo triste commercio per salvare dall'estinzione questi meravigliosi animali", conclude D'Adamo. "È encomiabile l'iniziativa del Kenya, che sta spingendo affinché i Governi di tutto il mondo si uniscano per porre fine a questo massacro. Dal canto nostro, continueremo a parlarne qui in Italia e a lavorare contestualmente con Associazioni internazionali e governi locali per migliorare la tutela e la salvaguardia di questi pachidermi. Non vogliamo rassegnarci all'idea di vederli estinti in meno di 10 anni per superstizione e avidità". 

 

 

перчатки для бодибилдинга
игры для android бесплатно

Articoli correlati (da tag)

Ultimi da Delogu-Dario *Redazione*