Menu
RSS

I cookie sono utilizzati per tenere traccia delle visite al nostro sito e per il suo funzionamento Cosa sono i cookie?

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

INFORMATIVA SUI COOKIE

Nuove norme GDPR

Cosa sono i cookie?

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo facciamo uso dei cookie. I cookie sono piccole porzioni di dati che ci permettono di confrontare i visitatori nuovi e quelli passati e di capire come gli utenti navigano attraverso il nostro sito. Utilizziamo i dati raccolti grazie ai cookie per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente in futuro.

I cookie non registrano alcuna informazione personale su un utente e gli eventuali  dati identificabili non verranno memorizzati. Se si desidera disabilitare l'uso dei cookie è necessario personalizzare le impostazioni del proprio computer impostando la cancellazione di tutti i cookie o attivando un messaggio di avviso quando i cookie vengono memorizzati. Per procedere senza modificare l'applicazione dei cookie è sufficiente continuare con la navigazione.

Visita AboutCookies.org per ulteriori informazioni sui cookie e su come influenzano la tua esperienza di navigazione.

I tipi di cookie che utilizziamo

Cookie indispensabili

Questi cookie sono essenziali al fine di consentire di spostarsi in tutto il sito ed utilizzare a pieno le sue caratteristiche, come ad esempio accedere alle varie aree protette del sito. Senza questi cookie alcuni servizi necessari, come la compilazione di un form per un concorso, non possono essere fruiti.

Performance cookie

Questi cookie raccolgono informazioni su come gli utenti utilizzano un sito web, ad esempio, quali sono le pagine più visitare, se si ricevono messaggi di errore da pagine web. Questi cookie non raccolgono informazioni che identificano un visitatore. Tutte le informazioni raccolte tramite cookie sono  aggregate e quindi anonime. Vengono utilizzati solo per migliorare il funzionamento di un sito web.
Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta che tali cookie possono essere installati sul proprio dispositivo.

Cookie di funzionalità

I cookie consentono al sito di ricordare le scelte fatte dall’utente (come il nome, la lingua o la regione di provenienza) e forniscono funzionalità avanzate personalizzate. Questi cookie possono essere utilizzati anche per ricordare le modifiche apportate alla dimensione del testo, font ed altre parti di pagine web che è possibile personalizzare. Essi possono anche essere utilizzati per fornire servizi che hai chiesto come guardare un video o i commenti su un blog. Le informazioni raccolte da questi tipi di cookie possono essere rese anonime e non in grado di monitorare la vostra attività di navigazione su altri siti web.
Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta che tali cookie possono essere installati sul proprio dispositivo.

Come gestire i cookie sul tuo PC

Se si desidera consentire i cookie dal nostro sito, si prega di seguire i passaggi riportati di seguito,

Google Chrome
1. Clicca su "Strumenti" nella parte superiore della finestra del browser e selezionare Opzioni
2. Fai clic sulla scheda 'Roba da smanettoni' , individua la sezione 'Privacy', e seleziona il pulsante "Impostazioni contenuto"
3. Ora seleziona 'Consenti dati locali da impostare'

Microsoft Internet Explorer 6.0, 7.0, 8.0, 9.0
1. Clicca su "Strumenti" nella parte superiore della finestra del browser e seleziona 'Opzioni Internet', quindi fai clic sulla scheda 'Privacy'
2. Per attivare i cookie nel tuo browser, assicurati che il livello di privacy è impostato su Medio o al di sotto,
3. Impostando il livello di privacy sopra il Medio disattiverai l’utilizzo dei cookies.

Mozilla Firefox
1. Clicca su "Strumenti" nella parte superiore della finestra del browser e seleziona “Opzioni”
2. Quindi seleziona l'icona Privacy
3. Fai clic su Cookie, quindi seleziona 'permetto ai siti l’utilizzo dei cookie'

Safari
1. Fai clic sull'icona Cog nella parte superiore della finestra del browser e seleziona l'opzione "Preferenze"
2. Fai clic su 'Protezione', seleziona l'opzione che dice 'Blocco di terze parti e di cookie per la pubblicità'
3. Fai clic su 'Salva'

Come gestire i cookie su Mac
Se si desidera consentire i cookie dal nostro sito, si prega di seguire i passaggi riportati di seguito:

Microsoft Internet Explorer 5.0 su OSX
1. Fai clic su 'Esplora' nella parte superiore della finestra del browser e seleziona l’opzione "Preferenze"
2. Scorri verso il basso fino a visualizzare "Cookie" nella sezione File Ricezione
3. Seleziona l'opzione 'Non chiedere'

Safari su OSX
1. Fai clic su 'Safari' nella parte superiore della finestra del browser e seleziona l'opzione "Preferenze"
2. Fai clic su 'Sicurezza' e poi 'Accetta i cookie'
3. Seleziona “Solo dal sito”

Mozilla e Netscape su OSX
1. Fai clic su 'Mozilla' o 'Netscape' nella parte superiore della finestra del browser e seleziona l'opzione "Preferenze"
2. Scorri verso il basso fino a visualizzare i cookie sotto 'Privacy e sicurezza'
3. Seleziona 'Abilita i cookie solo per il sito di origine'

Opera
1. Fai clic su 'Menu' nella parte superiore della finestra del browser e seleziona "Impostazioni"
2. Quindi seleziona "Preferenze", seleziona la scheda 'Avanzate'
3. Quindi seleziona l’opzione 'Accetta i cookie "

 

Google Analytics

Questo sito web utilizza Google Analytics, un servizio di analisi web fornito da Google , Inc. ( "Google") . Google Analytics utilizza dei "cookies" , che sono file di testo depositati sul Vostro computer per consentire al sito web di analizzare come gli utenti utilizzano il sito . Le informazioni generate dal cookie sull'utilizzo del sito web   ( compreso il Vostro indirizzo IP anonimo ) verranno trasmesse e depositate presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizzerà queste informazioni allo scopo di esaminare il Vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito per gli operatori dello stesso e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di internet. Google può anche trasferire queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google . Google non assocerà il vostro indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google. Potete rifiutarvi di usare i cookies selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, ma si prega di notare che se si fa questo non si può essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web . Utilizzando il presente sito web, voi acconsentite al trattamento dei Vostri dati da parte di Google per le modalità ed i fini sopraindicati .

Si può impedire a Google il rilevamento di un cookie che viene generato a causa di e legato al Vostro utilizzo di questo sito web (compreso il Vostro indirizzo IP) e l'elaborazione di tali dati scaricando e installando questo plugin per il browser :http://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=en

Il più grande Ivory Burn della storia a Nairobi il 30-04

30 aprile 2016: giornata storica per la conservazione di elefanti e rinoceronti. Il Kenya distruggerà infatti il più grande quantitativo di zanne d’avorio e corni di rinoceronte della storia. Si tratta di ben 105 (alcune fonti dicono 120) tonnellate d’avorio, quasi la totalità degli stock accumulati negli anni, e una tonnellata e mezza di corni di rinoceronte, l’intero stock a magazzino. Nel Parco Nazionale di Nairobi sono state allestite 12 gigantesche pire, che verranno date alle fiamme dal Presidente keniota Uhuru Kenyatta proprio questo sabato. Un immenso rogo che è un segnale forte per tutti quelli che sostengono che la vendita all’asta dell’avorio a magazzino offrirebbe ingenti fondi per la conservazione. Un rogo che per noi è soprattutto un ‘funerale simbolico’ per le decine di migliaia di elefanti e rinoceronti trucidati per superstizione e chincaglierie.

Quanti sostengono che la legalizzazione del commercio di corni e zanne darebbe nuova linfa alle attività conservazionistiche non si rendono conto che ognuno di questi animali può generare, nell’arco della propria vita, un valore 20 volte superiore grazie all’indotto turistico che darebbe sostentamento e lavoro alle comunità locali, generando un sistema sostenibile nel tempo” dichiara Vincenzo D’Adamo, Responsabile Nazionale del Progetto “Angels For Africa” dell’Anpana Onlus, che ha fra le proprie finalità proprio la sensibilizzazione sul tema del bracconaggio e la promozione di un’economia alternativa, fondata sul turismo sul rispetto e la tutela dell’ecosistema africano. “Il nostro impegno è duplice: in Italia, sensibilizzare su quali siano le origini dell’avorio e supportare, attraverso il nostro nucleo di Guardie Ecozoofile, il lavoro delle Autorità nella repressione dell’illegalità. Il sogno del Ministro Galletti è di non vedere più avorio nelle case degli Italiani. Il nostro è di sapere che non vi è commercio d’avorio, legale o meno, in tutto il mondo. Questo significherebbe salvezza dall’estinzione per gli elefanti, e introiti in meno per i terroristi di stampo islamico. Il secondo impegno, per noi, è sul fronte africano: attraverso un team altamente qualificato andiamo a supporto e offriamo formazione ai ranger impegnati nella difesa di questi animali sul territorio”.

Un tema, quello del commercio internazionale dell’avorio, molto sentito anche dalle Autorità del Kenya, che si sono fatte promotrici di un summit fra Governi africani in primis, ma non solo, per discutere linee comuni volte alla repressione del bracconaggio e soprattutto per spingere affinché si giunga al divieto internazionale di commercio d’avorio, grezzo o sotto forma di manufatti.

Facciamo nostre le parole di Patrick Omondi, direttore del Kenya Wildlife Service”, prosegue D’Adamo, “quando sostiene che l’umanità può vivere benissimo senza avorio. Non si tratta di un farmaco, non è essenziale per le nostre vite. È solo apparenza, moda, superstizione: e uccidere pachidermi da 7 tonnellate per farne chincaglierie o statuette è pura follia”.

Si calcola che ogni anno, in Africa, vengano uccisi dai 30 ai 35 mila elefanti, e oltre 1.300 rinoceronti: buona parte dei proventi del traffico illegale vanno a finanziare organizzazioni terroristiche di stampo islamico, come Al Shabaab o Boko Haram. Recenti indagini della Commissione Europea hanno evidenziato che l’Europa è non solo territorio di transito, ma anche zona d’arrivo e smercio di zanne e corni.

Sul mercato nero asiatico, le zanne grezze d'elefante vengono quotate $1.800 al kg (dati riferiti al Vietnam), mentre l'avorio lavorato raggiunge i $3.000 dollari al kg. Il corno di rinoceronte, dagli ultimi dati disponibili, è stabile a $65.000 al kg, quotazione che porta ogni singolo animale a valere oltre mezzo milione di dollari, stimando il corno in circa 8kg di cheratina pura (lo stesso materiale di cui sono fatte unghie e capelli umani).

"È necessario un grande lavoro di informazione e sensibilizzazione sia nei paesi d'origine che nei paesi di destinazione di questo triste commercio per salvare dall'estinzione questi meravigliosi animali", conclude D'Adamo. "È encomiabile l'iniziativa del Kenya, che sta spingendo affinché i Governi di tutto il mondo si uniscano per porre fine a questo massacro. Dal canto nostro, continueremo a parlarne qui in Italia e a lavorare contestualmente con Associazioni internazionali e governi locali per migliorare la tutela e la salvaguardia di questi pachidermi. Non vogliamo rassegnarci all'idea di vederli estinti in meno di 10 anni per superstizione e avidità". 

 

 

Torna in alto
Powered by ANPANA  2018 tutti i diritti sono riservati - all right are reserved - Informativa sulla Politica dei Cookie